Se Steve Jobs fosse nato a Napoli, il libro racconterebbe le sorti di uno Steve Jobs italiano

Poco dopo la morte di Steve Jobs, il blogger Antonio Menna ha pubblicato un post in cui rifletteva su cosa sarebbe accaduto se Jobs fosse nato a Napoli, piuttosto che negli Stati Uniti; la storia ha da subito attirato molte attenzioni, tanto da spingere l’autore a scriverci un libro.

Come accennato, dopo la scomparsa di Steve Jobs, ex CEO e cofondatore di Apple,sul blog di Antonio Menna è apparso un post in cui si esaminavano le sorti e gli avvenimenti che avrebbe incontrato Steve Jobs qualora fosse nato a Napoli, e non negli Stati Uniti. Per localizzare ancora di più il racconto, l’autore ha italianizzato i nomi di Steve Jobs e Steve Wozniak, trasformandoli in Stefano Lavori e Stefano Vozzini. Visto il successo e le attenzioni che il post ha raccolto, l’autore ha deciso di trasformarlo in un libro, disponibile già da ora nell’iBookStore e nel Kindle Store con il nome “Se Steve Jobs fosse nato a Napoli”.

In questo libro viene raccontata la storia dei due protagonisti, Stefano Lavori e Stefano Vozzini, che cercano di sviluppare e di portare avanti la propria sconfinata passione per i computer; visto l’ambiente in cui si trovano, del tutto diverso rispetto a quello imprenditoriale della Silicon Valley, le loro sorti si articolano in vicende ed accadimenti completamente diversi da quanto è successo con Apple, negli Stati Uniti. Un libro, dunque, che descrive la particolare e difficoltosa situazione del paese in cui il racconto è ambientato, in grado di ostacolare il realizzarsi dei sogni dei visionari italiani.

“Se Steve Jobs fosse nato a Napoli” di Antonio Menna, è composto da 336 pagine e può essere acquistato al prezzo di 6.99€.

Fonte: iphoneitalia

Fai una domanda al Dr.A