Un critico acclamato Apple ha reso i dettagli

Cathy Lee (nome cinese: Li Guifen) è stato traduttore Mike Daisey durante il suo viaggio in Cina per studiare le condizioni di fabbrica per il suo monologo “Il tormento e estasi di Steve Jobs.” Qui, Lee ritorna ai cancelli della fabbrica Foxconn in città di Shenzhen per raccontare i dettagli dal suo viaggio in originale.

Vestiti appesi dai balconi di campus Foxconn durante un comizio nella città meridionale cinese di Shenzhen a seguito di una serie di suicidi nelle sue fabbriche cinesi acceso i riflettori sulle condizioni di lavoro.
ASCOLTA: Questo American Life: Mr. Daisey e la fabbrica di Apple
READ: Il New York Times: iEconomy relazione speciale
Mela ha un sacco di attenzione di recente sulle condizioni nelle fabbriche cinesi che fanno i suoi iPhone e iPads. Il programma radiofonico pubblico “This American Life” in onda un conto elettrizzante della visita di un uomo per diversi stabilimenti. L’uomo era Mike Daisey, un narratore che è unanimemente riconosciuto per rendere le persone pensano diversamente di come i loro prodotti Apple sono fatti.

E ‘la storia di Daisey di visitare una fabbrica Foxconn in Cina, dove Apple produce iPhone e altri prodotti. Con l’aiuto di un traduttore cinese, Daisey trova lavoro minorile, lavoratori, operai avvelenati mutilati, e le condizioni di fabbrica tristi per chi fa iPhone e iPads.

“Ti sto dicendo che nelle mie prime due ore al mio primo giorno in quel cancello ho incontrato i lavoratori che erano 14 anni … 13 anni … 12,” Daisey raccontato. “Credi davvero che Apple non lo sa?”

Daisey detto This American Life e numerosi altri organi di informazione che il suo conto era tutto vero.

Ma non lo era.

Da un anno e mezzo, ho riferito della supply chain di Apple in Cina, dove lavoro come corrispondente della Cina Marketplace, con sede a Shanghai. Quando ho sentito la storia di Daisey, alcuni dettagli non suonava bene. Ho rintracciato traduttore cinese Daisey per vedere di persona.

“Il mio errore, l’errore mi dispiace veramente, è che ho avuto il vostro show, come il giornalismo. E non è giornalismo. Si tratta di teatro “-. Mike Daisey
Per anni, i giornalisti in Cina hanno scoperto un considerevole elenco di problemi che hanno mostrato il lato oscuro di ciò che è come lavorare nelle fabbriche che assemblano prodotti Apple. Mike Daisey vorrebbero far credere che ha incontrato, prima mano, alcuni degli esempi più eclatanti di questa storia tutto in un solo viaggio di sei giorni ha preso alla città di Shenzhen.

Prendiamo un esempio dal suo monologo si svolge in un incontro che ha avuto con un sindacato illegale dei lavoratori. Incontra un gruppo di lavoratori che sono stati avvelenati dalla neurotossina N-esano mentre si lavora sulla linea di iPhone di montaggio: “… e tutte queste persone sono state esposte,” dice. “Le loro mani tremare in modo incontrollabile. La maggior parte di loro … non si può nemmeno prendere un bicchiere. ”

Cathy Lee, traduttore Daisey a Shenzhen, era con Daisey quella riunione, a Shenzhen. L’ho incontrata nel punto esatto prese Daisey-porte di Foxconn. Così ho chiesto: “Hai incontrare persone che rientrano in questa descrizione?”

“No,” ha detto.

“Allora non c’era nessuno che ha detto che sono state avvelenate da esano?” Ho continuato.

La risposta di Lee è stata la stessa: “No. Nessuno menzionato l’esano. ”

Ho premuto Cathy per confermare altri dettagli fondamentali che Daisey segnalati. Forse le guardie hanno dei fucili quando sei venuto qui con Mike Daisey? Ad ogni domanda che ho avuto la stessa risposta di Lee. “No” o “Questo non è vero.”

Daisey sostiene di aver incontrato i lavoratori minorenni a Foxconn.Dice di aver parlato con un uomo la cui mano era attorcigliato in un artiglio di fare iPads. Egli descrive la visita dormitori di fabbrica con letti impilati fino al soffitto. Ma Cathy dice nulla di tutto questo è accaduto.

La scorsa settimana, insieme a Ira Glass, l’ospite di questa folla American Life, ho affrontato Daisey in un’intervista. Ho fatto uscire gli operai dice che incontrò che sono stati avvelenati da N-esano.Gli dico quello che Cathy ha detto.

Rob Schmitz: Cathy dice che non ha parlato ai lavoratori che sono stati avvelenati con esano.

Mike Daisey: Questo è corretto.

RS: Allora, hai mentito a riguardo? Non era quello che hai visto?

MD: Non vorrei esprimere in questo modo.

RS: Come lo esprime?

MD: Direi che ho voluto raccontare una storia che ha catturato la totalità del mio viaggio.

Ira Glass: Hai incontrato i lavoratori del genere? Oppure hai appena letto sulla questione?

MD: ho incontrato i lavoratori, um, Hong Kong, di andare a proteste di Apple che non erano stati avvelenati da esano, ma aveva conosciuto persone che erano state, ed è stato un colloquio costante tra i lavoratori.

IG: Quindi non hai incontrato un lavoratore vero che era stato avvelenato da esano.

MD: Sì, è vero.

Daisey scusato con Ira Glass per non dire la verità a lui e ai suoi ascoltatori.

“Guarda. Non ho intenzione di dire che non ho preso qualche scorciatoia nella mia passione di essere ascoltato. Ma io sto dietro il lavoro “, ha detto Daisey. “Il mio errore, l’errore mi dispiace veramente, è che ho avuto il vostro show, come il giornalismo. E non è giornalismo. E ‘teatro “.

Questo Retratti vita americana della storia: This American Life episodio dedicato questo fine settimana di una ritrattazione di “Mr. Daisey e la fabbrica di Apple.” Ascolta l’episodio completo.

This American Life non era l’unico sbocco giornalistico per Daisey.Per l’anno passato, ha fatto notizia costantemente: articoli di giornale, op-eds, profili di riviste, siti di notizie online. Ha fatto numerose apparizioni televisive-CNN, C-SPAN, Bill Maher. E dice di solito cose come questa, da un aspetto su MSNBC un mese fa:

Ciò che rende questo un po ‘complicato è che le cose Daisey mentito di vedere sono cose che sono realmente accaduti in Cina: i lavoratori che fanno i prodotti Apple sono stati avvelenati da esano.Spettacolo audit di Apple (PDF) la società ha raggiunto i lavoratori minorenni a una manciata dei suoi fornitori. Queste cose sono rare, ma insieme, formano un facile da capire narrativa di Apple.

“Alla gente piace una narrazione molto semplice”, ha detto Adam Minter, un giornalista di Bloomberg che ha messo anni a visitare più di 150 fabbriche cinesi. Sta scrivendo un libro su l’industria del riciclo dei rottami.

Dice che la realtà delle condizioni di fabbrica in Cina è complicata la lavorazione a Foxconn può essere estenuante, ma la maggior parte dei lavoratori vi dirà che sono felice di avere il lavoro. Dice Daisey è diventato un beniamino dei media, perché ha usato una performance emozionante di concentrarsi su un messaggio molto semplice:

“Bad Foxconn. iPhone male. Firmare una petizione. Ora sei bravo “, dice Minter. “Questo è un grande messaggio semplice e sta andando a risuonare con un listener radio pubblica. Sta andando in risonanza con il New York Times Reader. E penso che è uno dei motivi per cui ha avuto una trazione così tanto. ”

E Minter dice il fatto che Daisey non ha detto la verità alla gente su ciò che ha visto in Cina non avrà un grande impatto sul modo in cui il pubblico vede questo problema.

E Apple continuerà a cercare di ripulire la sua immagine. L’azienda ha assunto un revisore indipendente per controllare i propri fornitori in tutta la Cina. Charles Duhigg è un reporter del New York Times che ha aiutato a scrivere una serie investigativa sulla catena di fornitura di Apple. Ci ha detto che potrebbe essere difficile per verificare se le condizioni stanno migliorando perché Apple non ha ancora rilasciato dati che possono essere confrontati su un anno in anno.

“La mia comprensione è che Apple ha detto che hanno intenzione di iniziare a rilasciare i dati essenzialmente granulari, e così stiamo cercando di verificare che i crediti che le cose stanno migliorando a causa di Apple in corso in e chiedendo cambiamenti”, ha detto Duhigg.

E se Apple non diventa più trasparente sulla sua catena di fornitura, che vorrà dire un passo avanti verso migliori condizioni di lavoro, qualcosa di Mike Daisey ha lottato per tutto il tempo.

Circa l’autore

Fai una domanda al Dr.A