Orecchie di tutto il mondo, apritevi.
Proprio come le impronte digitali, le orecchie sono diverse da persona a persona. Perciò lo stesso paio di auricolari non andrà bene a tutti nello stesso modo. Per progettare le nuove cuffiette, gli ingegneri e i designer Apple non sono partiti dall’altoparlante, ma dall’orecchio. Hanno testato oltre cento prototipi su centinaia di persone, con l’obiettivo di creare un paio di auricolari capaci di adattarsi a ogni tipo di orecchio (e di restarvi comodamente) offrendo allo stesso tempo un audio di altissima qualità. Il risultato è rivoluzionario: si chiamano Apple EarPods, e una cosa così non s’era mai vista. Né sentita.

Audio perfezionato su iPhone 5.
Gli Apple EarPods sono solo l’inizio. Tutto ciò che è audio è stato perfezionato, sull’iPhone 5. Ci sono tre microfoni: uno frontale, uno sul retro e uno nella parte inferiore. Il microfono frontale e quello posteriore lavorano in tandem usando la tecnica del beamforming, che consente all’iPhone di concentrarsi sul suono proveniente dalla direzione desiderata per offrire un audio più chiaro. E c’è una nuova tecnologia di riduzione del rumore per attenuare i suoni ambientali. Così quando porti l’iPhone all’orecchio in una stanza affollata senti quello che conta: la voce di chi sta dall’altra parte.

Fai una domanda al Dr.A

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.