Apple riferito Offrendo metà di tasso di royalty di Pandora per servizio di streaming musicale

Apple riferito Offrendo metà di tasso di royalty di Pandora per servizio di streaming musicale

 

Il New York Post rapporti che Apple ha cercato inferiori a quelli dei suoi concorrenti potenziali in materia di tassi di royalty per il suo servizio di musica in streaming non confermato , attualmente offre un tasso che è solo la metà di quello pagato da Pandora nonostante le voci che Apple è alla ricerca di una maggiore flessibilità di quanto consentito sotto la licenza utilizzata da Pandora.

Il titano tech, l’azienda più importante al mondo, ha presentato un’offerta iniziale per l’etichetta di circa 6 centesimi per 100 canzoni in streaming, riferiscono le fonti. che è circa la metà dei 12 centesimi per 100 canzoni pagate da Pandora, il servizio leader radio online che Apple sta prendendo di mira, riferiscono le fonti. […] In confronto, servizi terrestri radio online garantiti – come iheart -. pagano circa 22 centesimi per ogni 100 canzoni in streamingSpotify servizio Abbonamenti paga il tasso più alto per il suo servizio, 35 centesimi per 100 canzoni in streaming, riferiscono le fonti.

 

 

 

 

 

Il rapporto sostiene che Apple aveva sperato di avere il suo cosiddetto servizio “iRadio” pronto per il lancio di iPhone 5, ma è stato costretto a rallentare il suo calendario per i negoziati di contenuti difficili. Le fonti indicano che Apple vorrebbe combinare iRadio con l’esistente Partita servizio iTunes, anche se iRadio sarebbe anche supportato dalla pubblicità. Pandora è stato cercando di abbassare i canoni , sostenendo che l’attuale struttura non consente di conseguire un profitto sul suo servizio. La società ha rilevato che si paga una percentuale molto più alta delle sue entrate in diritti d’autore di servizio satellitare SiriusXM fa, lasciando in sostanza non c’è spazio per il profitto una volta che i suoi gli altri costi sono contabilizzati. Pandora prende attualmente vantaggio di una opzione di licenza obbligatoria che permette di trasmettere qualsiasi tipo di musica che desidera, senza dover stringere accordi individuali con le case discografiche, ma luoghi di licenza significative restrizioni sul contenuto, impedendo agli utenti di richiedere brani specifici, riavvolgimento, o saltare più di una manciata di canzoni per ora. Apple è riferito alla ricerca di un accordo molto più flessibile per i suoi utenti, ma le etichette sono riluttanti a firmare per i tassi attualmente offerti dalla società.

nypost_streaming_royalties

Fai una domanda al Dr.A

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.