KGI: realtà virtuale di iPhone 8 due anni avanti rispetto alla concorrenza

Tra le novità attese presenti su iPhone 8 dovrebbe esserci anche la possibilità di effettuare con le fotocamere ed un modulo a infrarossi una scansione dell’ambiente circostante per ricostruirlo tridimensionalmente. La tecnologia implementata da Apple consentirebbe così di dare un impulso notevole alla diffusione della realtà virtuale, mettendola a disposizione degli utenti senza la necessità di particolari e ingombranti accessori da indossare o portare con sé.

Apple non è ovviamente l’unica azienda impegnata su questo fronte. Tuttavia, secondo quanto riportato dall’analista di KGI Ming-Chi Kuo, la società di Cupertino avrebbe accumulato un importante vantaggio rispetto alla concorrenza, Qualcomm in primis, con la possibilità di trarne vantaggio competitivo nel corso dei prossimi due anni.

Proprio Qualcomm rappresenterebbe la realtà più vicina ad Apple in termini di innovazione nel campo della realtà virtuale: pochi giorni fa l’azienda con sede a San Diego ha annunciato il nuovo Image Signal Processor Spectra, tecnologia che consentirà di ricostruire tramite le fotocamere di uno smartphone immagini tridimensionali con dettagli vicini alla realtà, mappando gli oggetti in modo sia passivo che attivo.

Nonostante gli importanti progressi, l’analista di KGI ritiene che Qualcomm deve ancora sviluppare hardware e software in grado di “tradursi” in soluzioni commerciali, e non riuscirà a presentare il primo prodotto compatibile prima del 2019, dando così la possibilità ad Apple di occupare il mercato in anticipo guidandolo di fatto almeno per i prossimi 24 mesi. Sempre secondo Kuo, il ritardo di Qualcomm ricadrà anche su Android, sistema operativo che in tal modo non sarà in grado di sfruttare a breve la “3D sensing technology”.

Fonte:hdblog

Fai una domanda al Dr.A