A quanto ammonta la Apple Economy in Italia

1,624 dipendenti, 16 negozi retail (a breve saranno 17), 62.000 posti di lavoro legati all’ecosistema dell’App Store, più di 260 i fornitori censiti: sono questi i numeri della iEconomy, l’economia generata da Apple nel nostro Paese.

A sottoscriverlo i dati rilasciati dalla stessa società di Cupertino nell’ambito di Job Creation, il report che riassume l’impatto delle attività della Mela in Europa. L’Italia – fa sapere la società capitanata da Tim Cook – è ad oggi la quinta economia europea per quanto riguarda la app economy, con Milano a fare da capofila (25.000 lavori stimati, 12esima potenza europea per numeri).

I dati in Europa
Nei 35 anni di attività in Europa, Apple fa sapere di aver distribuitocirca 20 miliardi di euro di introiti aglii sviluppatori di app e di aver creato 1,7 milioni di posti di lavoro. Di questi, poco più di un milione e mezzo sono attribuibili all’ecosistema dell’App Store di Apple, 22.000 sono i dipendenti Apple in 19 paesi mentre i restanti 170.000 sono fornitori di vario tipo, dai venditori al dettaglio ai produttori di componenti, dal la gestione degli stambilimenti ai trasposrti e logistica.

Nel complesso, la Apple Economy è cresciuta del 28% negli ultimi due anni, con Regno Unito, Germania e Francia a guidare la classifica delle nazioni più virtuose, con – rispettivamente – 291.000, 262.000 posti e 220.000 posti di lavoro. Fra le città sono invece Londra, Parigi e Amsterdam ad avere gli hub più forti.

La chiave è (anche) nella formazione
Oltre a un mero discorso legato al prodotto interno lordo generato da prodotti e servizi sul territorio, Apple rivendica anche un ruolo di primo piano per ciò che riguarda tutte le attività di formazione, soprattutto per ciò che concerne il coding. Ad attestarlo la collaborazione con oltre 100 istituti e università in Europa nell’ambito dell’iniziativa Everyone Can Code, per permettere a a studenti di qualsiasi livello e estrazione scolastica di imparare a costruire app.

Nel 2016, lo ricordiamo, Apple ha aperto la sua prima iOS Developer Academy in partnership con l’Università Federico II a Napoli per creare un percorso aperto per gli studenti, sia italiani che internazionali, che vogliono apprendere competenze pratiche e formazione specifica nello sviluppo di app e nell’imprenditorialità necessaria per questo mercato. 44 studenti dell’attuale corso hanno vinto la borsa di studio per partecipare alla recente Conferenza Annuale degli Sviluppatori Apple.

Fai una domanda al Dr.A

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.