Phil Schiller racconta la storia del WWDC, l’arte delle dimostrazioni dal vivo e altro durante il podcast di Accidental Tech

Ieri sera, l’executive Apple Phil Schiller ha fatto una comparsa a sorpresa sul podcast Accidental Tech con Marco Arment, John Siracusa e Casey Liss. Durante l’intervista, Schiller ha parlato della storia e degli obiettivi del WWDC, di come Apple lavora per rendere il WWDC più accessibile a tutti, l’arte delle dimostrazioni live e altro ancora.

Il Vicepresidente Apple ha sottolineato in primo luogo alcuni dei modi in cui Apple sta lavorando per rendere il contenuto del WWDC più accessibile agli sviluppatori che non possono partecipare di persona. Lo scopo del WWDC, ha detto Schiller, è di farlo ingegnere per ingegnere, che è qualcosa che è difficile da replicare:

“Ci pensiamo molto. Vi sono oltre 5.000 partecipanti e oltre 1.000 ingegneri e ospiti Apple. È un pubblico fantastico. Per cominciare, niente sarà mai meglio del semplice essere al WWDC. È stato costruito attorno a questa esperienza che, per decenni, abbiamo detto che saranno sempre gli ingegneri Apple a presentare e interagire con gli sviluppatori. Ci sono state molte richieste nel corso degli anni per avere altri tipi di presentazioni con persone di marketing e uomini d’affari, e io tengo il filo. Il più grande vantaggio di questo è che è ingegnere di ingegnere. Niente può sostituirlo.

Ma, per di più, sappiamo che non possiamo raggiungere tutti in questo modo e c’è così tanto ottimo contenuto. Vogliamo portare i contenuti al pubblico più vasto possibile, aiutare gli sviluppatori a sfruttare e adottare rapidamente nuove funzionalità e tecnologie e darci feedback. Lavoriamo costantemente a questa sfida. Viviamo in streaming sempre più la settimana del WWDC, non solo la nota chiave, ma altri eventi per il maggior numero possibile di persone. Rendere disponibile streaming live su quante più piattaforme possibili. Mettiamo il video on demand molto velocemente e lavoriamo ogni anno molto duramente per accelerare il tempo che viene pubblicato “.
Schiller ha anche osservato che Apple sta espandendo costantemente cose come la sua Developer Academy , workshop , programmi di accelerazione e altro ancora a sviluppatori e studenti in tutto il mondo.

Una cosa che Schiller ha dedicato un po ‘di tempo a spiegare è come Apple tenta di trovare un equilibrio tra la gestione di piccoli sviluppatori indipendenti contro le grandi aziende sull’App Store. L’obiettivo, secondo Schiller, è mettere le risorse a disposizione di tutti:

“Pensiamo agli sviluppatori piccoli e indipendenti tutto il tempo. È una passione per molti di noi nel team di relazioni con gli sviluppatori. Uno dei principi fondamentali con cui abbiamo iniziato l’idea era come aprire l’accesso e la tecnologia agli sviluppatori di tutte le dimensioni. Il vecchio modello, molto prima dell’App Store, era molto più di una partnership gestita, i singoli “grandi sviluppatori ottengono la maggior parte del tipo di risorse”. Ma l’App Store, in base alla progettazione, è molto più aperto agli sviluppatori di tutte le dimensioni.

Non dirò mai che siamo perfetti, ma ci impegniamo moltissimo per assicurarci che tutto ciò che riguarda il programma per sviluppatori sia uno a molti. Mentre tutti apprezziamo le relazioni personali che abbiamo, devi comunque fare tutto il possibile per rendere il programma disponibile a tutti. “
Un modo in cui Apple ha cercato di puntare il riflettore sugli sviluppatori più piccoli è attraverso il nuovo design di App Store basato su editoriali. Schiller ha affermato che l’App Store riceve mezzo miliardo di visitatori a settimana, il che mette molti sguardi sulle app e sugli sviluppatori che vengono visualizzati:

“Il nuovo design di App Store è stato quello di renderlo un App Store ancora più moderno basato su come i clienti lo utilizzano e di creare risorse editoriali in modo da poter presentare un numero sempre maggiore di app e sviluppatori che realizzano tali app. Proprio lì sul davanti. Posso dirvi che il team editoriale pensa costantemente di assicurarsi che le risorse vengano utilizzate per aiutare gli sviluppatori piccoli e indipendenti.

Il traffico verso l’App Store è di circa mezzo miliardo di visitatori a settimana. È incredibile la dimensione di quel traffico. Cerchiamo di raggiungere tutti questi utenti e mettere gli sviluppatori di fronte a loro “.
Una delle parti più interessanti dell’intervista è incentrata sul racconto di Schiller dell’iconica demo Wi-Fi al MacWorld 1999. Qui, Apple ha presentato l’iBook e i prodotti di rete wireless AirPort. Per dimostrare il Wi-Fi e la mancanza di cavi, Schiller è saltato giù dal palco tenendo in mano un iBook. Guarda il video dimostrativo qui sotto. Certo, questo è agrodolce ora che Apple non produce più accessori AirPort.

Durante altre parti dell’intervista, Schiller ha affermato che Apple ascolta costantemente i podcast e legge i siti Web che trattano i suoi prodotti, notando che forniscono una “tonnellata di input” che è utile. Schiller ha anche condiviso alcune considerazioni personali su come si è evoluto come presentatore, le sue auto preferite, i pranzi in scatola e altro ancora.

L’intero episodio di ATP può essere trovato sul sito Web dell’ATP , in Podcasts Apple , Overcast e altre app di podcast.

Hai bisogno di aiuto subito?
Scrivi ad uno dei nostri dottori.



Vienici a trovare, cerca la CLINICA®IPHONE più vicino a te

logo-web_bianco

Riparazione iPhone, iPad e MacBook - Dr. A

CLINICA®PHONE è ® 2009 - 2019 - Tutti i diritti riservati. Dr Adriano-Mac Repair è ® 2009 - 2019 - Tutti i diritti riservati. CLINICA®PHONE 2009 - 2019 è un marchio di fatto.

iPhone, iPad, iTunes, Apple TV, Macintosh e il logo Apple sono marchi di Apple Inc. Questo sito non è in alcun modo affiliato con Apple Inc. Non siamo un Apple Stores, non siamo un Apple Retail.

Copyright © 2019 CLINICA®IPHONE - Next s.r.l. - P. IVA 12168701006 - Privacy Policy - Web by Cooldesign