Google taglia i ponti con Huawei: stop agli aggiornamenti Android per i cellulari dell’azienda cinese

Applicazioni e servizi diventati ormai indispensabili per gli utenti occidentali, come Gmail e Play Store, il negozio digitale di Big G, scomparirebbero dai successivi prodotti firmati dall’azienda cinese. Ma l’azienda chiarische: i dispositivi funzioneranno

HUAWEI colpita alla mente e al cuore. È duplice il colpo sferrato in queste ore verso il colosso cinese hi-tech da parte delle aziende statunitensi costrette ad adeguarsi alla crociata anti-Huawei voluta dell’amministrazione Trump. Una battaglia che giovedì scorso ha compiuto un ulteriore passo avanti con l’inserimento della società di Shenzhen nella lista nera Usa delle entità commerciali. Le conseguenze non si sono fatte attendere: la decisione ha spinto Google a decapitare gli smartphone Huawei, privandola delle licenze Android, il sistema operativo firmato Big G di cui il gigante cinese si serve per far funzionare i propri telefoni. La seconda bomba è stata sganciata dalle produttrici Usa di chip e microchip che hanno congelato le forniture destinate al colosso tecnologico cinese.

Android Twitter
For Huawei users’ questions regarding our steps to comply w/ the recent US government actions: We assure you while we are complying with all US gov’t requirements, services like Google Play & security from Google Play Protect will keep functioning on your existing Huawei device.

4:26 AM – May 20, 2019

Twitter Ads info and privacy
 

Misure che nelle ultime ore sembrano stiano avendo eco anche in Europa. Stando a quanto riporta l’agenzia di stampaReuters, anche Infineon, società tedesca che opera nell’ambito dei semiconduttori, avrebbe sospeso le spedizioni di componenti nei confronti di Huawei. Una vicenda che potrebbe avere enormi ripercussioni e segnare definitivamente la caduta di Huawei dall’olimpo mondiale degli smartphone. Al momento, la classifica vede l’azienda di Shenzhen tallonare Samsung, circa un anno dopo lo storico sorpasso di Apple.
Google taglia a Huawei le licenze Android: cosa cambia
Presto tutti i telefoni sfornati dal colosso cinese potrebbero perdere accesso agli aggiornamenti ad Android. Non solo, applicazioni e servizi diventati ormai indispensabili per gli utenti occidentali, come Gmail e Play Store, il negozio digitale di Big G, scomparirebbero dai successivi prodotti firmati da Huawei. E non unicamente in terra del Dragone, dove da sempre le app di Mountain View sono bandite, ma anche nel resto del mondo. La notizia, rivelata in esclusiva Reuters che avrebbe ricevuto la soffiata da una fonte ben informata, è stata poi confermata dal sito di tecnologia The Verge. Google, con un tweet pubblicato dal proprio canale Android ufficiale, ha precisato: “Mentre ci conformiamo a tutti i requisiti del governo statunitense, servizi come Google Play e la sicurezza da parte di Google Play Protect continuerà a funzionare sui vostri correnti dispositivi Huawei”.

Il cambiamento maggiore, quindi, si vedrà in futuro. Non sono ancora chiari i dettagli dell’operazione, ma Huawei vedrebbe di gran lunga limitati i servizi che sarebbe in grado di offrire ai propri utenti e potrebbe continuare ad utilizzare, pre-installandola sui telefoni, solo la versione Aosp di Android, quella quindi con licenza open-source. In realtà, sembra che dal colosso cinese abbiano da tempo pensato a un’eventualità del genere e cercato di mettersi ai ripari. Da un anno si vocifera che l’azienda stia lavorando a un proprio sistema operativo, Huawei OS, capace di fare concorrenza tanto ad Android che ad iOS. Ma al momento il software sarebbe ancora troppo immaturo e restano dubbi sul potenziale appeal che Huawei OS avrebbe al di fuori della Cina, dove le applicazioni di Google fanno parte della vita quotidiana dei consumatori. Adesso la parola d’ordine è solo una: accelerare.
La crociata anti-Huawei
La decisione fa seguito a un braccio di ferro che va avanti da settimane e si intreccia con la trattativa commerciale in corso tra Cina e Usa. Il colosso hi-tech cinese, all’avanguardia nello sviluppo delle nuove reti di comunicazione mobili 5G, è infatti diventato il simbolo della sfida tecnologica tra Washington e Pechino. Una crociata che gli Stati Uniti non si sono accontentati di vincere sul suolo nazionale. Nei mesi scorsi, l’amministrazione Trump ha spostato la linea del fronte anche in Europa, cercando di convincere gli alleati della Nato che i dispositivi cinesi sono una minaccia per la sicurezza nazionale. Giovedì scorso l’ultima bordata: il governo Usa ha inserito l’azienda di Shenzhen nella propria lista nera delle entità commerciali. Una mossa annunciata dal ministro del Commercio statunitense, Wilbur Ross, e diretta ad “impedire che la tecnologia americana venga utilizzata da entità straniere in un modo tale da minare la sicurezza nazionale o gli interessi di politica estera”. Si sapeva che la misura avrebbe reso più difficile per Huawei comprare parti e componenti dalle società a stelle e strisce. Nessuno, però, si aspettava un colpo di scena immediato di tale portata.
Non solo Google
Anche le aziende Usa produttrici di chip e microchip — da Intel a Qualcomm, da Xilinx a Broadcom — si sono adeguate alla linea dettata dall’amministrazione Trump,  congelando le forniture destinate al colosso tecnologico cinese. Si tratta di sviluppi che rischiano di portare alle stelle le tensioni tra Washington e Pechino. Colpire il cuore e la mente di Huawei, gioiello dell’industria cinese, significa colpire cuore e mente della Cina.

FONTE REPUBBLICA.IT

Hai bisogno di aiuto subito?
Scrivi ad uno dei nostri dottori.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Vienici a trovare, cerca la CLINICA®IPHONE più vicino a te

logo-web_bianco

Riparazione iPhone, iPad e MacBook - Dr. A

CLINICA®IPHONE è ® 2008 - 2019 - Tutti i diritti riservati. Dr Adriano-Mac Repair è ® 2008 - 2019 - Tutti i diritti riservati. CLINICA®IPHONE 2008 - 2019 è un marchio di fatto e di insegna.

iPhone, iPad, iTunes, Apple TV, Macintosh e il logo Apple sono marchi di Apple Inc. Questo sito non è in alcun modo affiliato con Apple Inc. Non siamo un Apple Stores, non siamo un Apple Retail.

Copyright © 2019 CLINICA®IPHONE - Next s.r.l. - P. IVA 12168701006 - Privacy Policy - Web by Cooldesign