Il CEO di Huawei rifiuta la rappresaglia cinese contro Apple; ‘Apple è la mia insegnante’

L’amministratore delegato di Huawei , una società cinese soggetta a un divieto commerciale statunitense , afferma che sarebbe il primo a protestare contro qualsiasi rappresaglia cinese nei confronti di Apple.

Ren Zhengfei dice che nessuna delle due società dovrebbe essere ritenuta responsabile delle azioni dei governi del proprio paese, che politica e affari sono separati e che si rifiuterebbe personalmente di parlare anche con il presidente Trump …

 

Ren ha rilasciato i commenti su Apple in un’intervista con Bloomberg in risposta alle notizie secondo cui la peggiore risposta cinese potrebbe costare a Apple quasi un terzo dei suoi profitti globali .

Alcuni ipotizzano che la Cina potrebbe vendicarsi contro il divieto di Huawei – che potrebbe estendersi fino ad includere alcune delle sue più promettenti imprese di IA – a sua volta escludendo le maggiori società americane dai propri mercati. La Apple Inc. potrebbe cedere quasi un terzo dei suoi profitti se la Cina ha vietato i suoi prodotti, stima degli analisti di Goldman Sachs.

Ren ha detto che avrebbe obiettato a qualsiasi [rappresaglia cinese contro Apple.]

“Non succederà, prima di tutto. E in secondo luogo, se ciò accade, sarò il primo a protestare “, ha detto Ren nell’intervista. “Apple è la mia insegnante, è in testa. Da studente, perché andare contro il mio insegnante? Mai.”
Questa è un’interessante ammissione da parte di un uomo che dirige un’azienda che è stata accusata di aver rubato proprietà intellettuali dalle società statunitensi in cui sono interessati i prodotti di rete, affrontando cause legali da Cisco, Motorola e T-Mobile. Ma Ren lo nega.

“Ho rubato le tecnologie americane da domani. Gli Stati Uniti non hanno nemmeno queste tecnologie “, ha detto. “Siamo in testa agli Stati Uniti. Se fossimo dietro, non ci sarebbe bisogno che Trump ci attaccasse con forza”.
Ha anche respinto l’idea che Huawei potesse essere usato come moneta di scambio nella guerra commerciale avviata da Trump tra Stati Uniti e Cina – e non ha fatto mistero di ciò che pensa dell’attuale presidente degli Stati Uniti.

Ren ha detto che non era un politico. “È un grande scherzo”, ha schernito. “Come siamo collegati al commercio Cina-USA?”

Se Trump chiama, “lo ignorerò, quindi a chi può negoziare? Se mi chiama, potrei non rispondere. Ma lui non ha il mio numero. ”

In effetti, Ren non ha tirato pugni andando dietro a un uomo che ha definito “un grande presidente” pochi mesi prima. “Vedo i suoi tweet e penso che sia ridicolo perché sono auto-contraddittori”, ha scherzato. “Come è diventato un maestro dell’arte del patto?”
Ha anche affermato di non essere preoccupato per la perdita di commercio con gli Stati Uniti. Sebbene attualmente dipenda dai chip degli Stati Uniti, Huawei li ha stoccati dopo un precedente bando ZTE e prevede di creare i propri chip in futuro. E vendere negli Stati Uniti? Inoltre non è una preoccupazione, dice Ren.

“Gli Stati Uniti non hanno mai comprato prodotti da noi”, ha detto, irti. “Anche se gli Stati Uniti vogliono comprare i nostri prodotti in futuro, potrei non venderli. Non c’è bisogno di una negoziazione. “

Hai bisogno di aiuto subito?
Scrivi ad uno dei nostri dottori.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Vienici a trovare, cerca la CLINICA®IPHONE più vicino a te

logo-web_bianco

Riparazione iPhone, iPad e MacBook - Dr. A

CLINICA®IPHONE è ® 2008 - 2019 - Tutti i diritti riservati. Dr Adriano-Mac Repair è ® 2008 - 2019 - Tutti i diritti riservati. CLINICA®IPHONE 2008 - 2019 è un marchio di fatto e di insegna.

iPhone, iPad, iTunes, Apple TV, Macintosh e il logo Apple sono marchi di Apple Inc. Questo sito non è in alcun modo affiliato con Apple Inc. Non siamo un Apple Stores, non siamo un Apple Retail.

Copyright © 2019 CLINICA®IPHONE - Next s.r.l. - P. IVA 12168701006 - Privacy Policy - Note Legali - Codice Etico - Web by Cooldesign

Accettiamo Pagamenti anche con

loghi_carte_gray