Commento: Apple dovrebbe consentire alle persone di scegliere Spotify come lettore musicale predefinito

C’è stata una sorta di rapporto misterioso questa settimana.

Secondo quanto riferito, Apple e Spotify sono in trattative per consentire agli utenti di Spotify di controllare la riproduzione della musica con Siri […]

Secondo The Information, Spotify e Apple stanno discutendo di un “piano” che “consentirebbe agli utenti di iPhone di dire a Siri di riprodurre brani, playlist e album con comandi vocali”. Secondo quanto riferito, queste conversazioni derivano da nuove API in iOS 13 che rendono possibile per sviluppatori di app audio da integrare con Siri.
Come abbiamo notato, non è chiaro il motivo per cui ciò richiederebbe discussioni, poiché le API SiriKit consentiranno a Spotify o a chiunque altro di sfruttare Siri per le richieste musicali. Tuttavia, esiste una possibilità piuttosto più radicale …

Spotify potrebbe chiedere ad Apple di consentire agli utenti iPhone e HomePod di impostare Spotify come lettore musicale predefinito.

Allo stato attuale, i comandi musicali di SiriKit dovrebbero essere preceduti o preceduti da un’istruzione per utilizzare l’app Spotify. Questo sarebbe qualcosa del tipo:

Ehi Siri, chiedi a Spotify di interpretare Camille.

Ehi Siri, gioca A Fine Frenzy su Spotify.
Con versioni brevi probabilmente anche possibile, sulla falsariga di:

Ehi Siri, Spotify Ingrid Michaelson.
Ometti la parte Spotify e il dispositivo verrà impostato automaticamente su Apple Music.

Il che va bene se, come me, il tuo servizio musicale preferito è Apple Music, con Spotify come opzione secondaria. Nel mio caso, uso Spotify per la musica di tango e Apple Music per tutto il resto. Questo in parte perché Spotify ha una migliore selezione di musica di tango e in parte perché non voglio che il tango rovini i miei consigli su Apple Music.

Ma se Spotify è il tuo servizio musicale preferito o unico, sei costretto a usare un linguaggio un po ‘goffo. Sarebbe molto più conveniente per gli utenti di Spotify se potessero semplicemente selezionare Spotify come lettore musicale predefinito. Dopo averlo fatto una volta, potevano quindi usare comandi molto più semplici:

Ehi Siri, interpreta Janis Ian.

Ehi Siri, ascolta la mia musica.

Ehi Siri, gioca a Discover Weekly.
Ciò andrebbe a beneficio di molti clienti Apple, ma per quanto riguarda Apple stessa? Potrebbe sembrare che Apple si spari sul piede per aiutare un servizio di streaming concorrente in questo modo.

Direi il contrario, comunque. Penso che Apple si farebbe un favore su tre punti, senza quasi nessun aspetto negativo.

Innanzitutto, quei clienti che preferiscono Spotify saranno molto contenti del cambiamento. Rendere felici i clienti è un tipo di servizio clienti 101.

In secondo luogo, l’estensione a HomePod creerebbe una base di clienti completamente nuova. Al momento, HomePod ha davvero senso solo se sei un abbonato Apple Music. Certo, puoi AirPlay dall’app Spotify (anche se ci sono anomalie con coppie stereo – una storia per un altro giorno …), ma poi stai rinunciando a tutti i vantaggi degli altoparlanti intelligenti. La metà del punto di HomePod è che puoi semplicemente dirgli quale musica riprodurre.

In terzo luogo, questo tipo di gesto aiuterebbe Apple con le sue varie battaglie antitrust al momento, tra cui quella provocata da una denuncia Spotify . La società di Cupertino sarebbe in grado di indicarlo come un esempio di fornire ai concorrenti condizioni di parità sulla sua piattaforma.

E non c’è davvero nessun aspetto negativo. Questo non è un cambiamento che i clienti faranno a caso. Le uniche persone che avranno il problema di scavare nelle impostazioni per cambiare il loro lettore musicale predefinito sono quelle che sono già utenti fedeli di un servizio concorrente, sia Spotify, Tidal o altro. Quelle persone non sono comunque potenziali clienti di Apple Music.

Quindi, dal mio punto di vista, questo sarebbe vantaggioso per tutti: buono per Apple, buono per i suoi clienti. E se Apple non lo fa, iOS 13 potrebbe includere comunque una soluzione alternativa.

 

Hai bisogno di aiuto subito?
Scrivi ad uno dei nostri dottori.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Vienici a trovare, cerca la CLINICA®IPHONE più vicino a te

logo-web_bianco

Riparazione iPhone, iPad e MacBook - Dr. A

CLINICA®IPHONE è ® 2008 - 2019 - Tutti i diritti riservati. Dr Adriano-Mac Repair è ® 2008 - 2019 - Tutti i diritti riservati. CLINICA®IPHONE 2008 - 2019 è un marchio di fatto e di insegna.

iPhone, iPad, iTunes, Apple TV, Macintosh e il logo Apple sono marchi di Apple Inc. Questo sito non è in alcun modo affiliato con Apple Inc. Non siamo un Apple Stores, non siamo un Apple Retail.

Copyright © 2019 CLINICA®IPHONE - Next s.r.l. - P. IVA 12168701006 - Privacy Policy - Note Legali - Codice Etico - Web by Cooldesign

Accettiamo Pagamenti anche con

loghi_carte_gray